Macbook o Notebook?



I computer di ultima generazione sono veramente delle schegge in termini di prestazioni, basta investire una quota superiore ai 500€ per ritrovarsi un processore i5 o i7 SSD, e una scheda video decente che non sia integrata. Ovviamento però questo dipende dalla marca del pc. Personalmente quello che mi vede un po’ scettico nell’acquisto di un macbook è la durata della batteria. Il Lenovo Thinkpad p51s per esempio è in grado di reggere fino a 22 ore in autonomia. E’ ovvio che le prestazioni si abbassano nel momento in cui si  visualizzano video in 4k, si utilizzano videogame o programmi di grafica. Passiamo che le ore si riducano a 10 in totale? Un macbook dura più o meno 9-10 ore in autonomia quando se ne fa un utilizzo quieto, ovvero senza sforzarlo troppo con programmi di grafica e di editing. In tal casol’autonomia si riduce drasticamente a 3-4 ore.

Nonostante ciò è pur vero che il macbook include nel suo sistema operativo programmi di grafica e di editing gratuiti e professionali di ultima generazione che fanno invidia a qualsiasi programmino scaricato e pagato su windows. Anche nel caso in cui il programma acquisito dovesse essere lo stesso non sfrutterà mai a pieno tutti i componenti e la ram come i pc di marca apple. Ci sarà sempre il crash, qualche rallentamento o qualche  bug a fare da contorno al tutto. L’idea migliore per poter sfruttare al meglio tutti i componenti di un notebook che non sia appele, è quella di installarci sopra un software Linux. Una delle migliori distro Linux è sicuramente elementary. Una delle poche che richiede una donazione volontaria minima di 5 dollari. Il problema di chi utilizza Linux è che nella maggior parte dei casi deve saperlo utilizzare, a meno che questo non serva solo per navigare, scrivere file e inviare email. In caso contrario bisogna conoscere trucchi, codici e gabole per poter far funzionare anche programmi, giochi che montano sia su os che su windows. Niente rallentamenti, nessun problema grafico o crash con Linux, niente virus, basta aggiornare il sistema. Il suo problema principale lo si riscontra nelle app e nei programmi open source che pur essendo utili, non sono professionali e dettagliati tanto quanto i programmi del Mac. Sicuramente Linux si presenta come un ottima e validisssima alternativa a windows, anche se in alcuni casi sarà quasi impossibile caricare programmi compatibili nel sistema microsoft, tolto questo in quanto a velocità, compattezza del sistema, Linux non ha nulla da invidiare a Apple e questo sfruttando anche una ram bassa (4G) o una scheda video integrata